Cuccioloni da 8 a 15 mesi

Tartufi Incontro spesso tartufai alle prime armi che lamentano “difetti” del proprio cane. Per difetti spesso viene inteso un cane che trova i tartufi ma il resto dei comportamenti lascia molto a desiderare.

In realtà non sono difetti, sono semplicemente manifestazioni di ciò che è stato insegnato al cane.

Sono pochi i cercatori di tartufo che si cimentano ad insegnare al cane comandi non espressamente necessari per il ritrovamento dei tartufi, quindi va da se che il cane  troverà i tartufi e tenderà a mangiarli o comunque a romperli durante lo scavo.

Non sono difetti del cane, sono comportamenti naturali in assenza di educazione.

Lo stesso dicasi per quanto riguarda l’obbedienza, se non si educa con metodo non possiamo pretendere che il cane risponda a comandi mai conosciuti.

Toscana Tartufi, da la possibilità di intraprendere un percorso che insegni sia al cane ma soprattutto al conduttore, come è possibile modificare atteggiamenti non graditi durante la cerca in bosco e in altre circostanze.

Favorire  un buon rapporto, introdurre comandi di obbedienza e specifici per lo scavo dei tartufi come il riporto, lo stop con il seduto e lo stop con avviso, è quanto di meglio si possa fare per migliorare un cane da tartufo nel suo lavoro e nel rapporto col conduttore.

Siamo disponibili ad un confronto diretto col cane e proprietario, al fine di costruire un percorso formativo che coinvolga sia il proprietario che il suo cucciolo.

Contattaci per ulteriori informazioni la sede associativa è a San Miniato, in provincia di Pisa.

E’ espressamente vietato copiare testi o foto da questo sito.